Smoking Tomatoes – “Make The Choice”

Vedendo le foto della band romana Smoking Tomatoes, mi ero fatto una idea sbagliata sul tipo di genere che potessero proporre. Insomma, credevo che facessero qualcosa di molto contaminato e che avesse a che fare sì col metal, ma anche col rap. Intuizione in sostanza sbagliata, perchè se è vero che la band in alcuni tratti dimostra di saper travalicare il solito hard rock anni Ottanta, è vero che del rap non vi è traccia. Piuttosto, sbirciando sulla loro biografia, ho trovato tante delle influenze che avevo sentito, ovvero: Extreme, Living Colour, Van Halen, Red Hot Chili Peppers.
Ecco, queste sono le band che vorrei riportare per cominciare a descrivervi il loro sound, anche se la loro musica è fatta di hard rock almeno per una buona percentuale che si aggira attorno all’80%. Il resto è funky, blues, soul e tutto quello che la band mette in gioco per rendere la propria proposta accattivante e davvero irresistibile. Una musica che non può lasciare fermi sul posto, ma che cerca di rendere spesse volte il ritmo incalzante e che ha la sua forza nel basso e nella batteria, suonati rispettivamente da Igor Meo e Raffaele Pontillo. Ecco, questi due musicisti sono quanto di meglio si possa trovare in una band di hard rock. hanno fantasia, groove, tecnica. Il basso sa come farsi sentire….eccome! Le parti in slap sono fantastiche, ma anche il lavoro di rifinitura e di arrangiamento è sempre di gran gusto.
Non ho brani favoriti ed altri meno. Alcuni spingono di più, altri di meno, e altri ancora sono un mix tra le due cose. Ma quello che mi ha lasciato di stucco è la padronanza di ogni musicista qui dentro e non sono da meno il cantante/chitarrista Damiano Fabiani e il lead guitarist Serpio.
Un gran bel dischetto, che sarebbe stato ancora più godibile se fosse durato di più. Peccato davvero, perchè in un album completo questa band potrebbe davvero metterci dentro di tutto e di più. Ultra consigliati.

REDAZIONE