Crea sito

Ru Fus

Ru Fus e’ il progetto solista di Emiliano Valente , ex componente di Zen Circus,The Bugz,ReverberatiRu Fus comincia giovanissimo ad appassionarsi alla musica stimolato dalla frequentazione di diversi centri sociali come il “Macchia nera” di Pisa e il “Cpa” di Firenze . Folgorato dopo aver visto un indimenticabile live dei Soundgarden si procura un basso elettrico Eko destro al quale essendo mancino gira le corde e dopo un po’ di pratica fatta suonando sui dischi che si era procurato e fatto prestare fonda nel 1993 gli Alchol Flow con gli amici Raffaele “raffo” Mallegni alla chitarra e voce e Massimo Cirino alla batteria utilizzando una stanza del centro sociale per le prove del gruppo. Da qui la veloce ascesa verso quello che è il suo attuale profilo musicale, un musicista solista che solo dopo quattro annidi attiva conta all’attivo quattro dischi e altrettanti video.

CMZ: Ciao Emiliano presentati ai nostri lettori!
RU FUS: Ciao Ru Fus e’ il monicker del mio progetto solista , sono un musicista attivo sulla scena dagli anni novanta principalmente bassista ma in seguito anche chitarrista , ho fatto parte di molte band tra cui ti posso citare i primi Zen Circus , , i The Bugz , i Reverberati e altre collaborazioni con annesse partecipazioni in album vari e compilation . Dal 2014 ho deciso di iniziare un percorso solista e a tutt oggi ho pubblicato un primo album omonimo , seguito dal mini Ep “Tales” , un secondo album chiamato “In Fabula” e l ultima uscita “Rebus” che è un Ep di sei brani , tutti lavori rilasciati sotto l etichetta GhostLabelRecord e accompagnati da quattro video .

CMZ: Cosa ti ha spinto ha intraprendere la carriera solista?
RU FUS: Ho sempre scritto pezzi per le band in cui in passato ho suonato e quando per vari motivi sono uscito dai vari progetti in cui ero coinvolto non ho comunque smesso di comporre per cui a quel punto ho deciso di intraprendere un percorso solista , cercando subito dei collaboratori che potessero aiutarmi a realizzare le mie idee e così è stato con il coinvolgimento di Giacomo Bracaloni , già cantante e chitarrista di una longeva band pisana chiamata Seventh Day alla voce e Raffaello Mallegni , anche lui con una lunga storia di band e collaborazioni , alla batteria . Amici di lunga data , ottimi musicisti e compatibili con il mio modo di approcciarmi alla composizione e all arrangiamento delle composizioni che creo

CMZ: Quattro lavori in quattro anni, una macchina da guerra!
RU FUS: Si , in effetti sono molto produttivo , specialmente da quando ho venduto la PlayStation ?? adesso sono in piena fase nelle registrazioni di quello che sarà il vero e proprio successore di “In Fabula” , abbiamo già registrato le batterie e sto lavorando con le chitarre , sarà molto diverso dagli album precedenti , sto lavorando molto sull amalgama tra sonorità elettriche ed acustiche, si cerca di andare avanti e sviluppare nuove cose cercando di mantenere un impronta personale e sento che è quello che sta succedendo nel progetto Ru Fus , in questo ultimo album la batteria , a differenza degli altri album, e’ stata suonata da Roberto “Bufera” Fruzzetti , un batterista che ho sempre ammirato ma con il quale non ho mai collaborato in passato e che ho voluto fortemente stavolta perché l ho ritenuto più adatto , senza nulla togliere a Raffaello , alle sonorità che sto sviluppando adesso

CMZ: Parlaci di Rebus come nasce questo nuovo lavoro ?
RU FUS: Il pezzo Rebus in realtà era già stato scritto e registrato durante le sessioni di “In Fabula” ma un po’ per le sonorità e un po’ per le tematiche non l ho ritenuta adatta a far parte dell album , per questo ho deciso successivamente di usarla per questo Ep creando altri brani che potessero a mio parere coesistere bene con questa . Essendo la track attorno al quale è partita e si è sviluppata la costruzione dell Ep ho deciso di chiamarci anche l Ep stesso , avevo avuto anche una mezza idea di farne un video ma poi ho optato per Vanish Point , in rotazione da diverse settimane.

CMZ: Che argomenti trattano i testi ?
RU FUS: Parlano un po’ di tutto , avvenimenti che hanno stuzzicato il mio immaginario , stati d animo , sensazioni , ricordi , situazioni che ho vissuto o magari che potrei vivere , tendenzialmente sviluppo un taglio pessimista ed oscuro nell esprimere i miei sentimenti e le mie idee oltre ad una visione un po’ malinconica di quello che mi circonda , fortunatamente non sono stati d animo
che vivo quotidianamente ma che per qualche motivo escono inesorabilmente fuori quando mi approccio a scrivere testi per le musiche che compongo

CMZ: Sappiamo della tua campagna Crowfounding! Come stà andando?
RU FUS: Per curiosità ho aderito alla campagna Crowfunding , diciamo che non è andata benissimo perché non ho raggiunto l obiettivo però è stata utile perché ho conosciuto nuove persone e nuove persone hanno conosciuto a loro volta Ru Fus e i suoi album

CMZ: A quando i live?
RU FUS: Questa e’ una cosa che purtroppo non sono in grado al momento di stabilire, il progetto è nato principalmente come progetto di studio però se avrò le possibilità di creare una line up per portarlo fuori non mi tirerò indietro , al momento sono ancora focalizzato sulle registrazioni del nuovo album , dopo l uscita vedremo se sarà fattibile , ho avuto la fortuna negli anni passati di suonare spesso live e non mi dispiacerebbe tornare sui palchi per promuovere il progetto , vediamo che succede

CMZ: A cosa stai lavorando in questo momento?
RU FUS: Come ti ho già anticipato nelle domande precedenti sto lavorando al nuovo album , saranno una decina di pezzi , oltre la presenza di Roberto Fruzzetti alla batteria ci saranno altri graditi ospiti che annuncerò più avanti , se tutto va bene potrei farlo uscire aspetta anno nuovo. Vediamo come si sviluppa il percorso , nel frattempo potete seguire Ru Fus nella pagina Facebook , Instagram,Twitter o sul sito dell etichetta Ghostrecordlabel. Il sito ufficiale invece al momento è indisponibile perché lo stiamo rifacendo nuovo e appena pronto lo segnalerò sulle altre piattaforme
Ciao e grazie

Close
Social profiles