Red Sky , la musica è la mia stella

“Il cielo è rosso, perché anche il cielo sanguina per tenere accesa la sua stella, e il suo sacrificio è poesia e bellezza per tutti.”

Red Sky è un musicista Alieno che viene dal futuro con una missione ben precisa: trovare gli ultimi “alieni” – persone fragili, sensibili e rare, che la società tenta di sopprimere ogni giorno e che combattono per tenere accesa la propria stella – rimasti e portarli a Neo Tokyo, prima che la nostra società li trovi e li spenga.
Seguendo la stessa filosofia di Bruce Lee quando diceva “nessuna via come via, nessun limite come limite”, Red Sky trascende i generi musicali prendendo il meglio da ogni corrente, guidato dal suo inno “la musica è una”.
Nelle sue canzoni, che definisce “Future Music”, troviamo infatti chitarre post rock, rap conscious, dance anni 90, cantato Giapponese, growl, reggae, black metal e tanto altro, ispirandosi ad artisti poliedrici come Franco Battiato, Caparezza e Dargen d’Amico.
L’unica costante è l’autentica e libera espressione di sé stessi. Questo è il compito di tutti gli “alieni”: se permetteranno alla società di spegnerli e di togliere loro i sogni diventeranno come tutti gli altri e il mondo sarà un posto ancora più buio. Per questo Red Sky ricorda loro ogni giorno: “Non far spegnere la stella”.

“Faccio musica per aiutare le persone più sensibili di questa società a tenere accesa la loro stella, cioè la loro sensibilità, che è sia una maledizione, in quanto condanna a soffrire di più, ma anche un dono, perché quella sofferenza può essere usata per creare arte. Credo che la musica serva a riparare le crepe dell’anima, e quindi cerco di aiutare queste persone a sopravvivere su questo pianeta.”

CMZ: ” Eros/Thanatos “, è il tuo nuovo Album! Perchè questo titolo ?
Red Sky:
Ho scelto questo titolo perché mi sono reso conto che il filo conduttore di tutta la mia carriera è sempre stato l’amore, che sia quando mi ha ucciso che quando mi ha fatto rinascere mi ha sempre fatto scrivere le canzoni. Nel disco parlo di amore in tutte le sue sfaccettature, comprese quelle che non affronta mai nessun artista, e di tutte le volte che sono nato e morto per causa sua.

CMZ: Qual’è stato l’evento scatenante che ti ha fatto intraprendere la strada musicale?
Red Sky:
La musica è la mia stella, sono nato per fare questo e non avrei potuto fare nient’altro. Questo vale per ogni essere umano, solo che in molti scelgono di ignorare la loro vocazione e vivere una vita non loro.

CMZ: Elencaci cinque artisti o bands che hanno influenzato il tuo sound !
Red Sky:
Metallica, Dark Tranquillity, Fabri Fibra, Dargen d’Amico, Marilyn Manson.

CMZ: Quanto è importante per te internet nell’ambito musicale
Red Sky:
Internet è molto importante perché mi permette di raggiungere le persone che sto cercando di salvare, ma credo ci sia un enorme bisogno di tornare a stringere mani e abbracciarsi.

CMZ: Ti piacerebbe avere una band ? Oppure preferisci il progetto solista ?
Red Sky:
Ho avuto svariate bands in questi anni, ed è molto bello, ma purtroppo trovare gente seria e veramente disposta a dare tutto per il proprio sogno è molto difficile, quindi alla fine ho scelto di proseguire da solo.

CMZ: Lascia un consiglio a chi vuole intraprendere la strada della musica!
Red Sky:
Fatelo solo se è la vostra vera vocazione. Se non lo è, trovate la vostra vera vocazione e fate quello…il mondo ha bisogno di persone felici.