Gabriels, quando la musica è nel sangue

Gabriels, muove i primi passi nella musica imparando il pianoforte…. il resto è tutto in discesa e dentro a questa interessante intervista.

CMZ: Ciao Gabriels, presentati ai nostri lettori!
Gabriels:
Ciao a tutti e grazie dello spazio, ma certo sono Gabriels e ho iniziato a studiare il pianoforte da bambino all’età di 7 anni per seguire mio papà che anche lui è musicista. Mi sono diplomato in conservatorio sia in pianoforte che in tecnologie musicali e composizione elettronica e negli anni la mia passione per il rock e il metal si è fatta sentire.

CMZ: Vogliamo parlare del tuo ultimo album, Fist of the Seven Stars – Act 3: Nanto Chaos?
Gabriels:
E’ una opera Rock dedicata e adattata liberamente al manga e anime “Hokuto no Ken” di Tetsuo Hara e Buronson. Nell’atto 1 abbiamo visto la prima parte della storia dove julia (fidanzata del protagonista) viene rapita dal suo nemico e rivale nelle arti marziali. Nel secondo atto la storia continua con molte nuove voci come Rey, Mamyia, Ailee, Toky e altre per raccontare la storia dei fratelli hokuto … E ora nel terzo atto vediamo la grande tragedia di Nanto e l’ingresso di nuovi personaggi. Il tradimento di juda, il sacrificio di shu, la morte di Rey e ….. Sauzer, l’imperatore di Nanto ….. quando nanto è nel caos ecco che appare Hokuto !!!

CMZ: In cosa pensi si differenzi questo lavoro dai precedenti?
Gabriels:
Bhe …essendo mio dovere attenermi alla storia, questo capitolo si è rivelato molto struggente e pieno di momenti salienti rispetto agli altri.

CMZ: Che argomenti trattano i testi e in particolare, come mai la scelta di realizzare un concept album sulla saga di Ken Shiro?
Gabriels:
I testi non sono altro che recitar-cantando…sono esattamente tutte le scene dell’opera che si susseguono. Non sono altro che i dialoghi tra i personaggi di quella determinata scena. Semplicemente perchè è un manga che ha segnato la mia vita.

CMZ: Vuoi parlarci di come è stato registrato questo nuovo album e di come si è arrivati all’ottimo risultato finale?
Gabriels:
Direi sempre con il grande supporto di tutti gli ospiti…molti non possono venire nel mio studio a registrare e quindi lo fanno in altri studi più vicini a loro e poi mi mandano le parti…!!!

CMZ: La lista degli ospiti presenti su questo tuo nuovo album è molto lunga. Vogliamo spendere due parole su questi ospiti e spiegare il perchè di questa scelta?
Gabriels:
Si certo primi su tutti Wild Steel che ormai mi accompagna dal primo atto interpretando Ken e cioè il protagonista. Poi anche altri sempre stabili come Dino Fiorenza, Beto Vazquez, Dario Grillo o Jo Lombardo ma in questo nuovo atto si sono aggiunti molti altri come Ivan Drake (Juda), Tommy Johansson (Shu) e David Akesson (Sauzer). La scelta della rock opera è stata naturale visto il tema trattato…in sostanza è un musical dove tutti interpretano un ruolo in recitar-cantando e i testi quindi non sono altro che dialoghi tra i personaggi e ogni canzone è una scena. Quindi ascoltare il disco dalla prima traccia è come guardare un film.

CMZ: A cosa stai lavorando in questo momento?
Gabriels:
Attualmente sto lavorando al secondo disco del Vivaldi Metal Project con il mio collega e amico Mistheria…al remix e remastering del primo atto di Fist ed alla mia prossima rock opera dedicata a Dracula questa volta…per poi continuare con il 4 atto di Fist.

CMZ: So che Gabriels è un progetto da studio. Ma ti piacerebbe fare anche solo una data per portare sul palco la tua musica, magari in una occasione speciale?
Gabriels:
Si…sarebbe bellissimo.

CMZ: Abbiamo finito. Magari lascia un invito ai lettori per invogliarli a seguirti. Un saluto!
Gabriels:
Un caro saluto anche a voi e grazie ancora dello spazio. Termino sempre col dire Comprate, comprate, comprate perchè solo così noi possiamo continuare a donarvi la nostra musica….GRAZIE!