Crea sito

Francis Harbour, la rinacista interiore.

Chitarrista e fondatore della southern thrash metal band pugliese CANCRENA con all’attivo 4 dischi e molti concerti per la penisola e fuori Italia condividendo il palco tra gli altri con Sodom , Obituary , Raw Power , Malevolent Creations,ecc.. con lo pseudonimo “ FRANCIS HARBOUR “ decide di comporre e incidere il suo primo
EP acustico solista chiamato “Invisible Storm” , registrando voci e chitarre acustiche / elettriche.
Con la partecipazione al piano / tastiere di Alex Terlizzi l’ EP “Invisible Storm” verrà registrato nell’estate 2018 presso New Born Records a Barletta.
6 tracce acustiche melodiche che rimandano agli anni ’90 . Nell’estate 2019 prende vita il nuovo EP di Francis Harbour dal nome “ Reborn in Power “
registrato presso New Born Recors a Barletta e prodotto/promosso da Ghost Label Records. 6 brani rock/grunge anni 90 con aggiunta di pianoforte e tastiere di Alex Terlizzi e con tracce di batteria in 4 brani .

L’ep Reborn in Power è incentrato sul concetto di rinascita interiore , passaggio obbligato per ritrovare stabilita mentale ed equilibrio fisico . Invita l’ascoltatore a non combattere la realtà ma ad accoglierla ed osservarla per percepirne gli aspetti positivi tenuti nascosti dal nostro peggior nemico cioè la mente , e a non cadere nell’illusione del passato o del futuro.

CMZ: Ciao Francesco, perchè Francis Harbour ?
FH:
Ciao ragazzi , Harbour perche’ sono un agente marittimo e sto h 24 in porto…

CMZ: “Reborn In Power” è un album che suona scuro, con la tua voce molto ruvida. Quali sono le bands che hanno ispirato il tuo genere ?
FH:
Ascolto un po tutto cio’ che gira intorno al rock n roll e al metal …dalle ballads anni 80 all’ heavy , dal power al death….ma in questo progetto solista le influenze maggiori risalgono al periodo grunge , col quale sono cresciuto . Soprattutto gli Alice in Chains ( tra le mie preferite )..hanno influenzato questo disco.

CMZ: Da chitarrista Metal con i Cancrena a solista alternative rock con questo debutto. E’ nato tutto per gioco o per sfida ?
FH:
E’ nato da un esigenza compositiva molto forte. Brani che avevo scritto anni fa e altri piu recenti avevano bisogno di vedere la luce…e io volevo mettermi alla prova anche come vocalist.

CMZ: Come stà accogliendo la critica “Reborn In Power” ?
FH:
Molto bene…molte recensioni si concentrano sulla forza comunicativa dei brani…una sorta di esperienza che passa dalla malinconia , al dolore fino alla speranza . Per me è davvero importante comunicare emozioni , è per questo che scrivo musica da 20 anni ( per i Cancrena e per il progetto Harbour )

CMZ: E poi la collaborazione con Alex Terlizzi !
FH:
Anche per Reborn in Power , come per il precedente disco ,ho chiesto la collaborazione di Alex Terlizzi al pianoforte / tastiere . E’ un maestro e un professionista totale…e sa come arrangiare le canzoni
meglio di chiunque altro.

CMZ: L’avventura di Francis Harbour finisce con “Reborn In Power” ?
FH:
Ho inciso 2 dischi in 2 anni…e ora sono a corto di materiale…ma nel futuro magari ci sara una nuova uscita.

CMZ: Com’è la scena live dalle tue parti ?
FH:
Questo progetto e’ puramente da studio..senza prospettive live…ma in genere dalle mie parti si suona parecchio e band valide,,storiche o piu nuove , ce ne sono tante.

CMZ: Lancia un messaggio a chi legge questa intervista !
FH:
Grazie per questo spazio , in questi giorni con i Cancrena sono tornato in studio , stiamo registrando un nuovo EP , che porteremo in giro quanto prima . Occhio alle news underground e keep on rocking .

Close
Social profiles